• Zone montane: i valori della riduzione di accisa a kg, l e mc

    domanda

    Buongiorno, quali sono i valori di sconto per le zone climatiche? Da quale normativa si originano?

    Cordiali saluti

    Grazie e arrivederci.

    risposta

    Buongiorno,
    l’agevolazione per le zone montante si origina dalla Legge 448/98 (agevolazione fiscale per le “zone montane), che prevede una riduzione di accise per il gasolio e il Gpl distribuiti nelle zone F ed E, ma anche per le bombole distribuite in Sardegna e nelle isole minori.

    I valori ufficiali a cui fare riferimento sono a seguito:
    • la riduzione zona climatica è pari 0.1501 per euro/kg GPL;
    • per ottenere il valore dello sconto a litro si deve moltiplicare il valore in kg per il valore di densità convenzionale dei GPL (pari a 0,52), e si ottiene così una riduzione di accisa pari a 0.07852 euro/l GPL;
    • per ottenere il valore dello sconto a mc si deve moltiplicare il valore in kg per il coefficiente di conversione a mc (pari a 2), ottenendo così un valore di riduzione di accisa pari a 0,30 euro/mc GPL.

    In allegato la norma che identifica la densità del GPL a 0,52 e che identifica l’equivalenza 1 mc GPL = 2 kg GPL.

    Per i canalizzati sorge il problema dal momento che il software gestionale di alcune aziende utilizza questa formula: 0,0785252*0.52*4.16 in quanto a loro dire il contatore eroga 4,16 litri a mc (qualcuno 4.2 qualcun’atro 4).
    Questa formula ovviamente porta ad un risultato diverso: sappiamo che qualche Agenzia delle Dogane accetta questo risultato (ovviamente a condizione che l’agevolazione venga ribaltata per lo stesso importo al cliente finale) altre sono un po’ più rigide e accettano solo la formula 2kg=1mc (personalmente propendo per quest’ultima interpretazione che mi pare più veritiera oltre ad essere normata in maniera specifica.

    Cordiali saluti.

    --
    Distinti Saluti
    Dott. P. Viganò
    dettaglio
  • Bombole su isole minori: agevolazioni fiscali

    domanda

    Buongiorno, la presente per richiedere informazioni sulla riduzione delle accise per trasporto di bombole sulle isole minori.

    Cordiali saluti

    Grazie e arrivederci.

    risposta

    Buongiorno,
    l’agevolazione di cui chiedete rientra nella Legge 448/98 (agevolazione fiscale per le “zone montane), che prevede una riduzione di accise per il gasolio e il Gpl distribuiti nelle zone F ed E, ma anche per le bombole distribuite in Sardegna e nelle isole minori.

    In buona sostanza il meccanismo è simile agli altri casi con la differenza che l’autocertificazione non viene presentata dal cliente finale ma dal rivenditore che attesta di vendere le bombole solo nel territorio in questione (Sardegna o isola minore).

    Cordiali saluti.

    Saluti.

    --
    Distinti Saluti
    Dott. P. Viganò
    dettaglio
  • DAS per trasporti bombole GPL fino ai rivenditori.

    domanda

    Buongiorno,
    i trasporti di bombole fino ai rivenditori necessitano di documento di accompagnamento fiscale (DAS)?

    Cordiali Saluti

    Grazie e arrivederci.

    risposta

    Buongiorno,
    il testo unico sulle accise (D.Lgs. 504/95 e s.m.i.) all'articolo 25, comma 8 precisa che tale documento è necessario solo per trasporti oltre i 1.000 kg di prodotto.

    Di seguito il testo dell'articolo 25, comma 8: "I prodotti energetici assoggettati ad accisa devono circolare con il documento di accompagnamento previsto dall’art.12. Sono esclusi da tale obbligo i prodotti energetici trasferiti in quantità non superiore a 1.000 chilogrammi a depositi non soggetti a denuncia ai sensi del presente articolo ed i gas di petrolio liquefatti per uso combustione trasferiti dagli esercenti la vendita al minuto".

    --
    Distinti Saluti
    Dott. P. Viganò
    dettaglio
  • A quali obblighi sono soggetti piccoli serbatoi di GPL con capacità inferiore a 300 litri?

    domanda

    Buona sera, da qualche anno sono usciti in commercio dei serbatoi piccoli per il GPL di piccole capacità ovvero 145 lt - 285lt sia fuori terra che interrati con la novità secondo alcuni soggetti del settore GPL di poter essere installati senza le distanze di sicurezza perché non rientrano nella fascia dei deposito da 0,3 mc a 13mc.
    Vi chiedo delle specifiche in merito e se possibile a quale normativa di riferimento rientrano questi serbatoi.
    Cordiali Saluti

    Grazie e arrivederci.

    risposta

    Buongiorno,
    in realtà questi piccoli serbatoi godono di agevolazioni limitatamente all'iter prevenzione incendi nel senso che, ai sensi del DPR 151/11 (Categoria 4.3.A), questi serbatoi non arrivano alla soglia minima di 0,3 mc che li farebbe rientrare nei classici obblighi di prevenzione incendi dei piccolo serbatoi domestici (http://www.vigilfuoco.it/aspx/AttivitaSoggettePart.aspx?sc=16&id=4): non serve quindi presentare alcuna SCIA per la loro installazione, una curiosità dato che invece per i depositi di bombole di GPL gli obblighi di prevenzione incendi prendono il via per stoccaggi già superiori ai "soli" 75 kg di massa di GPL.

    Per quanto riguarda il resto, invece, essendo piccoli serbatoi devono sottostare in tutto e per tutto alle normative sui piccoli serbatoi fino a 13 mc, così come espresse dal DM 14 maggio 2004 (e s.m.i.).

    --
    Distinti Saluti
    Dott. P. Viganò
    dettaglio
  • Quanto valgono e come si calcolano cali ed eccedenze ammesse in un deposito di GPL?

    domanda

    Buongiorno, quanto valgono e come si calcolano cali ed eccedenze ammesse in un deposito GPL?

    Grazie e arrivederci.

    risposta

    Buongiorno,
    per i cali serve fare una differenziazione tra le modalità contabili di GPL sfuso e di GPL imbottigliato, in particolare:

    * per GPL sfuso: in ragione del DM 55/2000 è ammesso un calo del 3% in massa in ragione di giacenza/giorno, e su un periodo temporale si calcola così:
    (sommatoria dei kg di rimanenze giornaliere, compresi prefestivi e festivi + sommatoria dei kg totali in uscita dal deposito) x 0,0000822 = kg di calo ammesso per GPL sfuso

    * per il GPL imbottigliato: in ragione del DM 55/2000 è ammesso un calo pari al 2% in massa del totale imbottigliato (kg imbottigliati), quindi:
    totale kg imbottigliati * 0,02 = kg di calo ammesso per GPL imbottigliato

    Le eccedenze sono invece ammesse in misura del 2% del quantitativo in ingresso: la quota massica di eccedenza fisica superiore al 2% (una situazione abbastanza comune in caso di presenza in azienda di imbottigliamento) deve essere periodicamente “ripresa in carico” a livello contabile.

    La norme di riferimento sono l’art. 308 del TU delle accise (D.Lgs. 504/95, e s.m.i.) insieme alla Circolare MF n.299 del 16/11/1995.
    Saluti.

    --
    Distinti Saluti
    Dott. P. Viganò
    dettaglio

Scrivi all'esperto chiudi