IVA al 10% per GPL utilizzo per sola cottura cibi e acs (acqua calda sanitaria)

14.02.2019

domanda

Buon giorno,
avendo scollegato la caldaia a gas e utilizzando ora il GPL solo per usi di cottura cibi e produzione acs, posso fruire dell'IVA al 10%?

Grazie e arrivederci.

risposta

Buongiorno.

Il DPR 633/72 (alla suatabella A, parte III, punto 127-bis) prevede l’applicazione di un’aliquota IVA agevolata pari al 10% (anziché 22%) nei seguenti casi:

1. Utenze domestiche (solo multiutenze o canalizzati) L’interessato può richiedere l’agevolazione che però è applicabile solo nei casi in cui il GPL sia utilizzato esclusivamente per uso cucina e/o produzione di acqua calda sanitaria (no uso riscaldamento).

2. Bombole per uso agricolo L’interessato può richiedere l’applicazione dell’IVA agevolata sull’acquisto di bombole di GPL utilizzate per lo svolgimento dell’attività agricola.

3. Aziende agricole e Aziende manifatturiere L’interessato può richiedere l’applicazione dell’IVA agevolata sull’acquisto delle quantità di GPL utilizzate per lo svolgimento dell’attività di impresa agricola o manifatturiera.

In campo domestico, come nel suo caso, l’IVA al 10% è quindi effettivamente applicabile al gas utilizzato per i solo usi di cottura cibi e produzione di acqua calda sanitaria, qualora sia consegnato all'utenza a mezzo serbatoio.

Per le bombole il discorso cambia leggermente perchè le bombole fino a 20 kg pagano comunque un'IVA al 10%, indipendentemente dagli usi che poi si fanno del prodotto in esse contenuto, mentre le bombole ti taglia superiore pagano invece un'IVA piena-

Per poter fruire però di questa IVA ridotta lei dovrebbe:
- richiedere un cambio di contratto al suo forniture: da uso promiscuo a solo uso cottura cibi e acs;
- rilasciare una autodichiarazione all'azienda distributrice di GPL in cui attesta questo uso del GPL solo ad uso cottura cibi (normalmente il modulo è solo da compilare, lo richieda alla sua azienda distributrice).

Lei consideri che il fornitore di GPL è un Sostituto d’imposta, girando l’IVA che lei versa allo Stato, quindi non ha particolari interessi a negare o –viceversa- favorire tale riduzione, avendo però la responsabilità di riscuotere l'IVA corretta rispetto all'utilizzo, a pena di diventare correo di un reato di elusione di IVA.


--
Distinti Saluti
Dott. P. Viganò

Contattaci chiudi