Modelli semplificati dei documenti di Cantiere (Titolo IV del D.Lgs. 81/08): POS, PSC, FO, PSS

17.11.2014
Modelli semplificati dei documenti di Cantiere (Titolo IV del D.Lgs. 81/08): POS, PSC, FO, PSS

Con il Decreto Interministeriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero della salute del 9 settembre 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 12 settembre 2014, sono stati approvati i modelli semplificati per la redazione dei documenti da utilizzare per la gestione della sicurezza nei Cantieri (ex Titolo IV del D.Lgs. 81/08):

a) Piano operativo di sicurezza (POS),
b) Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC)
c) Fascicolo dell’opera (FO)
d) Piano di sicurezza sostitutivo (PSS)

Si ricorda che tali modelli semplificati erano previsti all’articolo 131, comma 2-bis del Codice dei contratti, e che:
– il Piano operativo di sicurezza (POS)è il documento che il datore di lavoro deve redigere prima che vengano iniziate le attività lavorative in un cantiere edile, ai sensi dell’art.100 del D.Lgs. n. 81/2008 ed i cui contenuti minimi sono riportati nell’allegato XV del predetto D.Lgs.81/08“;
– il Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC)è il documento che il coordinatore per la progettazione o esecuzione dell’opera, su incarico del committente, deve redigere prima che vengano iniziate le attività lavorative in un cantiere edile, ai sensi dell’art.100 del D.Lgs. n. 81/2008 ed i cui contenuti minimi sono riportati nell’allegato XV del predetto D.Lgs. 81/08“;
– il Fascicolo dell’opera (FO)è il documento che il coordinatore per la progettazione o esecuzione dell’opera, su incarico del committente, deve predisporre; i contenuti dello stesso sono definiti all’allegato XVI al D.Lgs. n. 81/2008, contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, tenendo conto delle specifiche norme di buona tecnica e dell’allegato II al documento UE 26 maggio 1993“;
– il Piano di sicurezza sostitutivo (PSS), il documento da redigere nel caso in cui la legge non obbliga alla nomina del CSP (coordinatore della sicurezza per la progettazione) e quindi all’elaborazione del PSC, che dovrà essere consegnato alle amministrazioni che hanno predisposto il bando.

A partire dal 9 settembre 2014 i Datori lavoro, Imprese affidatarie ed esecutrici, coordinatori, appaltatori e concessionari possono quindi utilizzare tali modelli ferma restando l’integrale applicazione del Titolo IV del D.Lgs 81/80 e del D.Lgs 163 del 2006 (Codice degli appalti).

Entro due anni dall’entrata in vigore del decreto del 9 settembre 2014, il Ministero del Lavoro monitorerà l’applicazione dei modelli, rielaborandone eventualmente i contenuti.

riga_rossa

Segnaliamo i link per il download dei modelli in formato editabile (Word):

a) Piano operativo di sicurezza (POS)
Nel frontespizio del modello semplificato a seguito, viene precisato che “La redazione del POS deve essere improntata su criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantire la completezza e l’idoneità quale strumento di pianificazione degli interventi di prevenzione in cantiere, l’indicazione di misure di prevenzione e protezione e dei dpi, le procedure per l’attuazione delle misure da realizzare e i ruoli che vi devono provvedere“.

Il modello contiene le seguenti sezioni:
– Identificazione e descrizione dell’opera
– Dati identificativi dell’impresa
– Organizzazione del servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori
– Numero e qualifica dei lavoratori operanti in cantiere per conto dell’impresa
– Documentazione in merito all’informazione ed alla formazione fornite ai lavoratori impegnati in cantiere
– Esito del rapporto di valutazione del rumore
– Lavorazioni svolte in cantiere
– Procedure complementari o di dettaglio richieste dal psc (se previsto)
– Elenco allegati obbligatori


CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD DEL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA SEMPLIFICATO IN FORMATO WORD

b) Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC)
Nel frontespizio del modello semplificato per la redazione del Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) viene precisato che “Il PSC è specifico per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e di concreta fattibilità, conforme alle prescrizioni dell’art.15 del d.lgs. n. 81/2008, le cui scelte progettuali ed organizzative sono effettuate in fase di progettazione dal progettista dell’opera in collaborazione con il CSP”.

Il modello contiene le seguenti sezioni:
– Idenficazione e decrizione dell’opera
– Identificazione delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi
– Organigramma del cantiere
– Individuazione analisi e valutazione dei rischi relativi all’area di cantiere
– Organizzazione del cantiere
– Planimetria del cantiere
– Rischi in riferimento alle lavorazioni
– Interferenze tra le lavorazioni
– Procedure complementari o di dettaglio da esplicitare nel POS
– Misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva
– Modalità organizzative della cooperazione e del coordinamento
– Disposizioni per la consultazione degli rls
– Organizzazione del servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori
– Stima dei costi della sicurezza
– Elenco allegati obbligatori
– Quadro riepilogativo inerente gli obblighi di trasmissione.

CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO SEMPLIFICATO IN FORMATO WORD

c) Fascicolo dell’opera (FO)
(frontespizio non presente)

Il modello contiene le seguenti sezioni:
– Descrizione sintetica dell’opera ed individuazione dei soggetti interessati
– Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera ed ausiliarie
– Adeguamento delle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera ed ausiliarie
– Informazioni sulle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera necessarie per pianificare la realizzazione in condizioni di sicurezza e modalità di utilizzo e di controllo dell’efficienza delle stesse
– Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all’opera nel proprio contesto
– Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi alla struttura architettonica e statica dell’opera
– Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi agli impianti dell’opera
– Elenco allegati
– Quadro riepilogativo inerente gli obblighi di trasmissione.

CLICCA QUI PER IL DOWNLOAD DEL FASCICOLO DELL’OPERA SEMPLIFICATO IN FORMATO WORD

d) Piano di sicurezza sostitutivo (PSS)
Nel frontespizio del modello semplificato viene precisato che “Il PSS è redatto a cura dell’appaltatore o del concessionario, contiene gli stessi elementi del PSC con l’esclusione dei costi della sicurezza, ed è integrato con gli elementi del POS”.

Il modello contiene le seguenti sezioni:
– Idenficazione e decrizione dell’opera
– Dati identificativi dell’impresa
– Organizzazione del servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori
– Individuazione analisi e valutazione dei rischi relativi all’area di cantiere
– Organizzazione del cantiere
– Planimetria/e del cantiere
– Rischi in riferimento alle lavorazioni
– Interferenze tra le lavorazioni
– Cronoprogramma dei lavori
– Misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva
– Numero e qualifica dei lavoratori operanti in cantiere per conto dell’Impresa
– Documentazione in mertito all’informaione ed alla formazione fornite ai lavoratori impegnati in cantiere
– Esito del rapporto di valutazione del rumore
– Elenco allegati obbligatori

Il Settore Formazione del Comitato Tecnico Professionale GPL – Milano

downloadDI 9 settembre 2014 - modelli semplificati cantiere.pdf download 3833-Modello-semplificato-per-redazione-del-POS.doc download 3835-Modello PSC.doc download 3836-Modello Fascicolo Opera.doc

Contattaci chiudi